IoT Support: i benefici per il Cliente e il ruolo della data collection & analysis

/

La manifattura vive un periodo di profonda trasformazione alimentata da mercati sempre più competitivi, che chiedono performance e agilità mai viste prima senza concedere nulla sul fronte della qualità. Industria 4.0, Smart Manufacturing e Smart Factory, temi di attualità da almeno un decennio, nascono proprio per fronteggiare le sfide del comparto affidandosi alle potenzialità della tecnologia e – soprattutto – della valorizzazione del dato. D’altronde, solo una corretta trasformazione in senso tecnologico è in grado di dare una risposta concreta alle necessità del mercato garantendo, al tempo stesso, la sostenibilità economica dei processi produttivi. Nel 2022, il successo si gioca proprio sulla capacità di ottenere un bilanciamento corretto tra performance ed efficienza: il digitale, le piattaforme di pianificazione ed esecuzione della produzione (MES), l’universo dell’IIoT (Industrial Internet of Things) e, soprattutto, le piattaforme di analisi, sono orientate esattamente a questo.

 

L’esigenza di ridurre al minimo il downtime

Nello scenario appena descritto, efficientare la produzione presuppone un’operatività continua e ininterrotta. Da sempre, il Total Downtime Cost (costo dei fermi macchina) rappresenta una delle principali voci di costo della produzione industriale, poiché comprende tutti quelli sostenuti durante la sospensione, eventuali sanzioni contrattuali, danni di immagine che incidono sulla retention dei Clienti e i costi diretti che l’azienda deve sostenere per ripristinare la produzione. In alcune circostanze, la somma di tutte queste voci e dei danni reputazionali mette a serio rischio la sopravvivenza del business.

Le cause di downtime sono sostanzialmente due: gli attrezzaggi e i guasti. La prima voce è fisiologica e si gestisce attraverso metodologie (come SMED) e tecnologie dedicate, come il cambio utensili automatico; per la seconda è invece richiesta una perfetta sinergia tra il mondo della data collection, ovvero dell’internet of things, e quello della data analysis. Il risultato è IoT Remote Support. 

 

IoT Support: come funziona la data collection & analysis

IoT Support è un servizio di monitoraggio e gestione proattiva degli impianti che AMADA mette a disposizione della clientela e indirizza sia a prevenire i downtime che a gestirli nel minor tempo possibile.

Come anticipato, IoT Support si basa sul concetto, tipicamente 4.0, di data collection & analysis. L’acquisizione continua dei dati (data collection) è un prerequisito del monitoraggio continuo degli impianti: i macchinari, infatti, producono enormi volumi di dati attraverso i sensori di cui sono dotati (IIoT) e trasferiscono alla piattaforma di analisi informazioni grezze relative a centinaia di parametri. Per generare valore, tutte queste informazioni vanno centralizzate, integrate e selezionate (data analysis), un’attività decisamente complessa poiché, trattandosi di Big Data, non si ha a che fare unicamente con enormi volumi, ma anche con grandi velocità di dati (streaming) ed eterogeneità.

 

Nella fattispecie, AMADA riceve e centralizza un’infinità di dati provenienti dai propri impianti installati nel mondo e, grazie a piattaforme evolute di analisi, è in grado di “trasformarli” in informazioni puntuali e sintetiche, il tutto assistito da un sistema di alerting proattivo. In questo modo, i tecnici AMADA ricevono in tempo reale non soltanto indicazioni di downtime, ma anche informazioni predittive: capita così frequentemente che l’azienda si metta in contatto con il suo Cliente per segnalare anomalie prima che quest’ultimo se ne accorga.

IoT Support e l’intervento da remoto

IoT Support non è soltanto monitoraggio e alerting, ma anche intervento da remoto sulle macchine. In altri termini, quando viene rilevata un’anomalia, i tecnici AMADA possono agire all’istante per sistemarla. E questo rappresenta un ulteriore beneficio per i Clienti, non solo in termini di efficienza, ma anche di flessibilità.

 

La tradizionale assistenza telefonica, infatti, presuppone che l’operatore conosca in modo iper-approfondito i sistemi e le dinamiche di esercizio della macchina. Potendo AMADA operare da remoto per ripristinare i sistemi o modificare parametri di esercizio, il Cliente può coinvolgere anche risorse meno esperte, favorendo un percorso di apprendimento graduale che non compromette la produttività.

 

Infine, ma certamente non per importanza, IoT Support sfrutta la connettività di rete di abilitare fattispecie innovative di assistenza. In alcuni casi, infatti, l’operatore deve intervenire direttamente sulla macchina ma, come anticipato, non è detto che ne conosca tutti i sottosistemi, né che una spiegazione telefonica sia sufficiente per comprendere le esatte modalità di intervento. Grazie alla condivisione dello schermo e del video, gli operatori possono inquadrare la macchina con un dispositivo portatile (tipicamente, uno smartphone) e farsi guidare dai tecnici AMADA verso la soluzione del problema. Due i benefici: riduzione/prevenzione dei downtime e formazione, tutto in uno.